Crea sito

Beer Attraction: come sarà rappresentata la Campania alla più importante fiera del settore birrario?

Ormai ci siamo, mancano appena tre giorni per l’inizio di Beer Attraction, fiera internazionale del settore birrario, nata principalmente dalla collaborazione tra Rimini Fiera Spa e Unionbirrai.
La manifestazione (di cui vi avevamo già parlato in questo articolo) parte sabato prossimo e termina martedì (noi saremo lì a partire da Domenica).

Saranno almeno 200 gli espositori: ci saranno birrifici (artigianali in primis), operatori della distribuzione, associazioni di categoria del settore, produttori e rivenditori di materie prime e attrezzature per birrifici e homebrewers. Insomma tutto il mondo birrario al completo.
Non mancheranno poi laboratori, degustazioni e convegni e gli eventi fuori salone in vari locali della riviera.
Insomma si prospetta una quattro giorni di alto livello.

In questo articolo però vi vogliamo parlare di come la Campania sarà rappresentata al Beer Attraction, sotto i diversi profili.
Innazitutto tra i vari stand che comporranno la fiera ci saranno sei birrifici campani, nell’ordine:

Birrificio dell’Aspide; Birrificio IrpinoBirrificio Karma; Birrificio Maltovivo; Birrificio Maneba; Birrificio Sorrento

                   irpino           maneba

 

 

 

sorrentomaltovivo   karma

 

 

 

 

 

 

 

 

Alcuni di questi birrifici come Sorrento, Aspide e Maneba porteranno con loro anche alcune delle ultime novità.

Sempre tra gli stand ci sarà poi la nota azienda campana di distribuzione G.M.A Import Specialità

Infine sarà campano anche uno dei 40 giudici del concorso di Unionbirrai Birra dell’AnnoAlfonso del Forno, che si occuperà a Rimini anche di tutta una serie di laboratori e convegni di degustazione e  sulle tematiche dei cibi e delle birre senza glutine, come i due minicorsi di degustazione Unionbirrai La “alta” Italia La “bassa” Italia  o ancora il convegno Birre italiane inconsapevolmente senza glutine . In corrispondenza di quest’ultimo è da sottolineare anche che ci sarà la premiazione del World Gluten Free Beer Award e dell´Italian Low Gluten Beer Award.

Inoltre saranno comunque tanti gli appassionati, gli operatori del settore, e le associazioni che si muoveranno dalla Campania per giungere a Rimini, segno comunque della grande passione che si respira nell’aria.

In totale quindi la Campania si presenterà a Rimini con 6 stand, molti di meno rispetto alle rappresentanze di regioni come la Lombardia (24 stand) o la Toscana (18 stand), ma in ogni caso un numero accettabile, considerato comunque il panorama brassicolo campano.
Insomma, anche se a rilento, sembra che comunque la Campania birraria si stia muovendo, anche se ci sarà bisogno di qualcosa di più per riuscire ad essere al livello di tante altre regioni italiane, non solo storiche ma anche emergenti.